Proteste in Iran: già 13 i morti

Proteste in Iran: già 13 i morti

La protesta divampa in Iran. Dallo scorso giovedì si contano già tredici morti e numerosi feriti. La rivolta prosegue ad interessare svariate città, tra cui la stessa capitale, Teheran, dove diverse automobili della polizia sono state date alle fiamme e molti edifici pubblici sono stati assaltati. Alla base del sollevamento popolare c’è il carovita, l’ opposizione nei confronti del presidente Hassan Rohani e dell’ ayatollah Ali Khamenei e la politica estera iraniana considerata troppo dispendiosa. Continue reading “Proteste in Iran: già 13 i morti”

Soldati italiani in Niger. Ed è subito polemica

Soldati italiani in Niger. Ed è subito polemica

Presto un contingente di soldati italiani potrebbe partire per il Niger, paese dove passa la rotta che ogni anno conduce decine di migliaia di migranti in Libia e dove i terroristi di Boko Haram stanno mettendo a dura prova la tenuta politica della zona. A dare l’ annuncio è stato il presidente del consiglio Paolo Gentiloni sul ponte della nave militare Etna, dove insieme al ministro della Difesa Pinotti ha salutato i militari italiani della missione europea Sophia. Ufficialmente il nostro contingente avrà il compito di addestrare le forze nigerine e renderle in grado di contrastare efficacemente il traffico di migranti ed il terrorismo. Ma questa versione non convince: ad avere gli scarponi sul terreno del Niger sono i francesi, e sembrerebbe che l’Italia stia dando il suo supporto ad una missione neocoloniale. Continue reading “Soldati italiani in Niger. Ed è subito polemica”

L’Onu boccia Trump. E gli Usa minacciano

L’Onu boccia Trump. E gli Usa minacciano

Spostare l’ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme? La comunità internazionale non vuole sentirne parlare: l’assemblea dell’ Onu ha bocciato la decisione di Donald Trump con un voto schiacciante. Il presidente Usa ha quindi reagito con una serie di minacce, neanche troppo velate, verso chi si è mostrato ostile. Le reazioni non si sono fatte attendere. Continue reading “L’Onu boccia Trump. E gli Usa minacciano”

Elezioni Catalogna: esito incerto

Elezioni Catalogna: esito incerto

A distanza di due mesi dal referendum per l’indipendenza, la Catalogna torna domani alle urne per le elezioni imposte da governo centrale di Madrid. L’ esito del voto non è affatto scontato: né gli indipendentisti né gli unionisti, secondo i sondaggi, riuscirebbero a raggiungere la maggioranza assoluta dei seggi. L’ingovernabilità è dietro l’angolo. Ecco come hanno affrontato la questione i maggiori quotidiani italiani. Continue reading “Elezioni Catalogna: esito incerto”

Vittorio Emanuele III torna in Italia. E’ polemica

Vittorio Emanuele III torna in Italia. E’ polemica

La regina Elena e il re Vittorio Emanuele III di Savoia riposeranno l’ uno accanto all’ altra nel santuario di Vicoforte di Mondovì, in provincia di Cuneo. Ieri è rientrata la salma del sovrano: partita da Alessandria d’ Egitto, dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, è arrivata in Italia a bordo di un volo militare C130 che è atterrato alle 11 all’ aeroporto di Cuneo. Alla partenza ad Alessandria erano presenti i familiari e l’ambasciatore italiano al Cairo, Giampaolo Cantini. Il trasferimento delle spoglie dei due sovrani ha recato in dote uno strascico di polemiche e non solo per la scelta di utilizzare un volo dell’ aeronautica militare. Ecco come hanno affrontato la notizia i maggiori quotidiani italiani. Continue reading “Vittorio Emanuele III torna in Italia. E’ polemica”

Gerusalemme capitale. Sale la tensione

Gerusalemme capitale. Sale la tensione

Il riconoscimento di Gerusalemme capitale da parte del presidente Usa, Donald Trump, ha avuto come unico merito quello di far salire nuovamente la tensione in tutto il Medioriente. Sembra di essere tornati agli anni ’60: le istituzioni internazionali e i governi sono divisi in due fazioni. E i quotidiani italiani non sono da meno. Chi filo-palestinese? E chi filo-israeliano? Continue reading “Gerusalemme capitale. Sale la tensione”

Alfano molla. Le reazioni “ilari” dei quotidiani

Alfano molla. Le reazioni “ilari” dei quotidiani

Matteo Renzi è sempre più solo. E con lui l’intero Pd. A stretto giro di posta sia Giuliano Pisapia (ex sindaco di Milano) che Angelino Alfano (attuale ministro degli Esteri) hanno gettato la spugna, decidendo di non candidarsi alla prossime elezioni politiche. Una decisione improvvisa, in particolare quella del leader di Area Popolare, che ha suscitato reazioni quasi unanimi nei maggiori quotidiani nazionali: sfottò e giubilo vanno per la maggiore. Continue reading “Alfano molla. Le reazioni “ilari” dei quotidiani”

Biotestamento in Senato. Ed è bagarre

Biotestamento in Senato. Ed è bagarre

È atteso per oggi il voto sulle pregiudiziali presentate dalle opposizioni al ddl sul biotestamento. Gli interventi fiume del centrodestra hanno infatti fatto slittare il voto da ieri a oggi, com’era stato previsto dalla riunione dei capigruppo. La legge potrebbe comunque essere approvata in via definitiva al Senato già nella prossima settimana. Polemiche per lo Ius Soli, slittato all’ultimo posto della calendarizzazione. I quotidiani nazionali, come sempre accade sui temi etici, sono profondamente divisi. Continue reading “Biotestamento in Senato. Ed è bagarre”

Caso “Banca Etruria”. Si riaccende la polemica

Caso “Banca Etruria”. Si riaccende la polemica

Il ciclone Banca Etruria riprende vigore. Il procuratore di Arezzo, Roberto Rossi è stato ascoltato giovedì scorso dalla Commissione parlamentare d’ inchiesta sul sistema bancario e finanziario, presieduta da Pier Ferdinando Casini e, secondo alcuni membri della stessa commissione, avrebbe mentito/omesso informazioni sulla posizione di Pierluigi Boschi, padre del sottosegretario Maria Elena e consigliere del Cda di Banca Etruria. Boschi senior sarebbe infatti indagato in un altro filone d’inchiesta: il reato ipotizzato è falso in prospetto e il fascicolo è stato aperto in seguito alle sanzioni comminate dalla Consob agli ex amministratori della banca. Continue reading “Caso “Banca Etruria”. Si riaccende la polemica”